Mi presento: racconto la mia storia e le attivita’ periodiche…

Sono nato a Gemona del Friuli (UD) il 20/11/1947  (mio padre Valentino è rientrato dall’Africa dopo cinque anni di prigionia con gli inglese da El Alamein in poi, rilasciato nel 1946 è  rientrato a Manzano dove ha conosciuto mia madre Neopensi Carla da Gemona dove era nata nel 1906 stesso anno di mio padre che ha vissuto tra due guerre e il ventennio che,buon suo nei suoi racconti non ha mai condannato se non solo la moda italica propensa al “…doppio giochismo…”, meglio, al tradimento, per stare dove e con chi, più conviene loro, a livello personale, come oggi, oltre alla mancanza del tutto italica di serietà e autodisciplina (vedi Germa nia e/o Inghilterra), del Duce non ne ha mai parlato male, benchè lui sia dovuto partire per l’Africa -volontario, in guerra contro la propria volontà non essendosi schierato con il Duce ma ancora meno con altre parti sinistre. Nel 47 si è sposato e,pieno di malaria vero regalo d’Africa, è dovuto partire per ordine del Governo a lavorare in Belgio.Punito per non aver aderito, forse dall’una, con il Duce o…,dall’altra forse il grazie per aver combattuto mal armato (…tradimento doppiogiochismo…) in Africa. In Belgio data la malaria non è andato in miniera ma ancora peggio, in un fornace all’aperto dove fabbricavano e respiravano calce viva, 8 ore al giorno sabato incluso. Poco dopo trovata una vecchia casa (per stranieri) in affitto, mia madre ha potuto raggiungerlo e io a neanche un anno al seguito. In quegkli anni i belgi odiavano gli italiani come oggi succede ai migranti oggi, ma tralascio i motivi forse ragionevolmente.. . Anche a scuola gli italiani sedevano sugli ultimi banchi e…, sono andato a scuola in Belgio fino a 9 anni circa, quindi i miei hanno fatto un sacrificio, inviandomi presso i Padri Stimattini di Gemona del Friuli (UD),allora un Collegio. In questo modo ho proseguito gli studi fino a tutte le superiori di allora e sono rientrato in Belgio dove ho iniziato a lavorare in decorazione e pittura a 13 – 14 anni circa, dopo il lavoro frequentavo volontaria mente Scuole superiore d’Arte plastica, purtroppo per un breve periodo, fino al momento in cui un certo Max Ernst,artista e professore all’Academia di Belle Arti di Charleroi (oggi non esiste più) non mi ha voluto portare al suo seguito e, da qui la storia Accademica piena di successi. Il prof aveva visto i miei lavori che secondo suo stimato giudizio riflettevano i lavori di Braque studente in quella sede che mi ha prededuto ovviamente. In Italia ricordo il prof.Pittini che mi ha “iniziato” nell’arte… ,proseguita poi in Belgio, dove amavo anche, oltre che studiare e esercitarmi, lavo rare sodo e bene. Anni pieni di soddisfazioni più che di guadagni. Quindi al compimento del diciottesimo anno di età (mio padre morto a Marcinelle dove abitavamo allora …nel 1966…) nel mese di novembre sono stato chiamato e partito per Roma, con la ventilata intenzione di arruolarmi nella Guardia di Finanza dove poi ho fatto carriera dopo la frequenza della Scuola Sottufficiali a Ostia nel 44 Corso “Podgora” della durata biennale circa. Poi naturalmente in giro qui e la per Regioni e Sedi diverse, fino ad approdare a Ponteb ba nell’anno 80 dove nel 82 mi sono coniugato, ed è nato Valentino. Nel 1994 con 36 anni contributivi sono andato in pensione benef ficiando all’epoca di 8 anni di Ausiliaria per cui sono andato in Pensione Inpdap nel 2002. Da allora le peripezie politiche, il susseguirsi di ipotetiche crisi economiche alle quali oggi si sono aggiunte quelle finanziarie ( ladrocini generali e evasioni fiscali tra i non dipendenti ), le crisi Ospedaliere per le quali ho provveduto personalmente,all’epoca, a stilare un Ricorso Straordinario al Capo dello Stato ( che ha trovato piena risposta anche attraverso il Commissario di Governo di allora a Trieste… incaricato di seguirmi dallo stesso Capo dello Stato O.L.Scalfaro.). Motivo per cui mi ritengo soddisfatto del fatto che la “rovina della Sanità Friulana è stata prodotta da una becera fallimentare SINISTRA di GOVERNO (PD) oltre al Renzismo e,in Friuli, la Serracchiani Presidente in Friuli e Segretario del PD (silenziata), a doppio stipendio (… e che stipendi…), capace solo di rappresentare la rovina del Friuli in generale dalla Sanità ( costi raddoppiati o quasi e servizi quasi azzerati in buona parte, in verità…), partiti sia l’UDC che il PD che reputo senza offesa per nessuno “falsi preti…bug giardi all’unisono da Pinocchio Renzi a tutta la Catena…” . Nel 1995 sono stato chiamato a collaborare con una piccola ma impegnata realtà dell’Alto Friuli, dati il mio apparente buon lavoro da me esperito nel contesto della disabilità con un sito “Comitato Spontaneo per la Tutela dell’Handicap e della disabilità oltre che alla Tutela dei Diritti del Cittadino (Costituzione Italiana.)” al chè pur continuando a tutelare il problema Handicap sono stato invitato e mi sono impegnato per diverso tempo nella Unione Autonomista Alpina (UAA). I giovani imparino che se non ti batti i Tuoi Diritti vengono erosi come la Sanità oggi,dove le leggi prevedono un accorciamento delle liste d’attesa che in realtà con la Sinistra sono divenute lungometraggi, se vuoi salvarti fai il medico da Te. Questa una breve storia di prensentazione al solo fine di conoscersi meglio. Aggiungo che in questo mondo falsario e ladro per lo più,ambisco e stimo le persone trasparenti in senso di onestà,lealtà,verità,cose oggi manipolate in continuo secondo propri sporchi comodi. Vedi e guardati attorno,affare Banche,multinazionali, l’euro non moneta, migranti da mantenere e chi più ne ha più ne metta.

Attualmente mi interesso ancora occasionalmente di problematiche sociali, di problemi sanitari e handicap non disdegnando di seguire e impegnarmi a fondo con mezzi miei di politica generale che in questo triste periodo di sfacelo totale nel quale chi si batte per la tutela dei propri e degli altrui diritti costituzionali viene definito dai ladroni in campo “populisti”, in quanto intenti a combattere questo diabolico tentativo di globalizzazione, per fortuna ormai fallita o in via fallimentare…