Si tocchino solo i falsi minorati

DISABILI: Disabilità – Da “La Verità” – Manovre inique di questo Governo. Di Maio sta manovrando in materia non sappiamo a quale titolo, visto che il Ministro per la Disabilità è della Lega.

Pregiato Salvini, vicecapo di questo governo per la Lega… Continua la farsa berlusconiana sottoponendo magari i veri disabili in gravità a controlli gratuiti per i quali Di Maio aumenta malgrado la carenza di risorse i premi al medico che sopprime il diritto al disabile gratuitamente. Il guaio è che al Nord sono disabili veri, mentre al sud esiste una marea di famiglie che si appropria inscenando il falso ai fondi destinati ai veri disabili. Siamo di fronte ad un governo bugiardo? Ora vediamo con quale criterio verranno applicati questi controlli, che se non saranno massimamente obiettivi finiranno immediatamente sulla graticola. Ci aspettiamo che si controllino i veri falsi invalidi.

Caro Salvini, da lei ci attendiamo ben altro…

Non si può andare a corrente alternata o a… pedali

COPPA ITALIA – tanto attesa dalle tifoserie che fino qui credono nell’Udinese capace, dopo il fallimento dello scorso   bruttissimo  Campionato (salvata in extremis da Igor Tudor….) . La credono convintamente capace di una reazione positiva,specie dopo il ricambio di ben 8 giocatori,purtroppo inesperti e troppo giovani,ma tant’è si spera per loro.A 20 anni noi correvamo come le Frecce delle FS, quelli di oggi ai quali nulla è mancato tirino fuori fisico, muscoli, attributi e polmoni, con dovuto impegno altrimenti, non fosse così, se ne stiano a casa loro, senza raccontarci frottole sulle loro qualità calcistiche, lealtà e onestà sportiva ma non solo, inanzi tutto. A Udine prescindendo dal “danno multietnico ecc….”, urgono giocatori giovani o meno motivatissimi e certi di adeguarsi al nostro campionato immediatamente in una settimana, non ci sono santi. Spirito di sacrificio e volontà ultimamente l’anno scorso mai dimostrata. Ormai il problema della multietnicità tribale esiste in tutte le realtà dalle più grosse alle minori con una sola differenza,le più grosse ti pagano ma pretendono un rendimento attivo, come giusto, se sbagli paghi e ti radiano.- Udine è ora cominci ad adeguarsi nelle pretese, senza piagnucolii per il troppo caldo,poi sarà per il freddo ecc…,non si tolleri, le stesse sofferenze esistono per tutti i giocatori in campo, alla pari, quindi simili congetture sono del tutto fuori luogo. Intensità necessaria ed essenziale ma dura a venire. Ora Velasquez e suo staff hanno i giocatori e il materiale adatto a ogni ruolo e il mancante di almeno un difensore centrale esperto e una punta pura quanto esperta, ce l’hanno in mano,meglio in squadra. 

Dopo le nuove speranze e i virgulti austriaci, seguiti da vittorie esclu se le ultime due, quelle che contavano di più, ieri sera contro un buon ma modesto Benevento,come potevamo immaginare, ci siamo ritrovati con una buona squadra capace anche a dire  dei mister Velasquez di buon gioco per circa 30 minuti neanche per un tempo quindi. Si da che si pretendono de minimis 80-90 minuti di buon gioco, 30 è nulla o quasi. Nel primo tempo sono seguiti alcuni buoni sprazzi di gioco, con diversi tentativi da parte dell’ottimo(guai non ci fosse…) Lasagna al quale è mancato solo il gol, un buon Pezzella capace dell’ottimo cross a spiovere diretto per il servizio di Macis il quale con uno splendido tocco a spiovere taglia tutta la porta e finis ce in gol. Vantaggio per 1-o per l’ Udinese al Friuli. Passano i minuti di ottimo lavoro per la squadra di casa che pare costruire le azioni per il raddoppio che non arriverà, manca la precisione al tiro e la furbizia dall’una per gli attaccanti, di botto la squadra perde il coordinamento, si disorganizza e non la si vede più. Non vogliamo trovare scuse mettendo in ballo l’arbitro ma tutti hanno visto che questo triestino (bisiach….???…) tale Giacomelli ha tifato in tutto e per tutto contro l’Udinese, cosa che non spetta a un arbitro. Tutti i falli con il Benevento venivano subito fischiati, gli atterramenti in aerea di giocatori dell’Udinese passavano in vantaggio per il benevento, il pareggio in evidente situazione di fuori gioco di ben due attaccanti in vantaggio sukl difensore che inseguiva di oltre due-tre metri, il pareggio convalidato in fuorigioco. Urge la Var anche in Coppa arbitri non credibili. Può darsi che oltre al caldo il comportamento di questo Giacomelli abbia potuto demotivare la squadra. Meglio danneggiata l’Udinese. il vantaggio per il Benevento arriverà in una situazione arbitrale e della squadra assai confusa durante i due tempi supplementari che si dovevano evitare forzando il risultato da parte della squadra di casa. Ora sono conseguite da parte di giocatori e maestranze rassicurazioni per il buon impegnato inizio di campionato,ma visto che non abbiamo difesa in quanto Samir al centro NON FUNZIONA e il raddoppio causa sua. Manca una punta punta e ben difficilmente arriverà,quindi,non potranno caricare tutta la responsabilità sulle spalle di Lasagna ottimo elemento,ma fa quello che può e se può non solo,dai fatti. Pussetto entrato al 27 ottimo elemento ma ancora fuori “ruolo” capace di far fuori tutto il Benevento in dribbling al momento del tiro omette di tirare in porta confondendo pure Lasagna che stava correndo verso la porta in caso che il portiere non trattenesse la palla…. . Sono i soliti giocatori che arrivano dal sud america di questi anni, inesperti da preparare e vendere allorquando dovessero funzionare,quindi questa squadra…., speriamo si salva e non rischi la serie “B”, ma le attese e le prospettive rassicurano ben poco… . Già una volta l’Udinese allenata da  Iachini   è uscita alla prima in Coppa Italia, come ora, ma dopo 7 partite e arrivato Del Neri e/o comunque il ricambio di allenatori,anche se non vorremmo che l’Udinese di Pozzo diventi famosa come mangia allenatori. Certi è che i Pozzo di questi tempi dove tutti si rafforzano qualche sacrificio in più in Italia potevano e dovevano farlo.

Ora speriamo di vedere qualcosa di meglio in Campionato, dove non si possono trovare sempre, situazioni lacrimose e ripensamenti. No male di gambe inammissibili, testa a posto e non a ugole…(femmine…) e tanto sacrificio e volontà,i tifosi pretendono vittorie e non poche…. . Lavoro, lavoro, lavoro.  Stante che Scuffet partirà, visto che non offre più di tante garanzie,non possiamo certo dirci soddisfatti di Nicolas sperando nel rientro di Musso oltre che sue sue qualità,altrimenti saranno guai dopo aver ceduto Karnezis e Meret. Visto al Watfort l’attaccante partito da Udine,pare stia strabiliando e qui non andava,da troppo tempo a Udine esiste qualcosa che non quadra. Va corretta la situazione e Gino POZZO segua in primis l’Udinese o scelga con chi stare e dove pendere. Punto debole per l’Udinese è infine la fase difensive che può trarre giovamento e grazia soltanto da fortune che però sono assai alterne, almeno in questa fase.

Nuovo Governo e politiche ondivaghe. Bene solo su immigrazione, per ora…

DI MAIO CI SPIEGHI MOTIVATAMENTE O MEGLIO INTENDIAMO,GIUSTIFICHI, CON PROVE DI FATTO SULLA TRASPARENTE FATTIBILITA’ DI QUANTO VA DICENDO PER QUANTO SOTTO SPECIFICATO, MA CHE A NOI PARE FUORI LUOGO IN QUANTO SU BUONA PARTE SUO PROGETTO POTREBBE VEDERSI BATTERE DA RICORSI SU COSTITUZIONALITA’ NORMA SIA SECONDO COSTITUZIONE ITALIANA CHE IN PROSIEGUO DAL TRIBUNALE PER I DIRITTI DELL’UOMO DI STRASBURGO:

1)- BASTA DANNI IN ITALIA CHE SI INDEBITA SEMPRE PIU’ A DIFFERENZA DI QUANTO PREDICATO IN CAMPAGNA ELETTORALE NON SOLO DA DI MAIO (OLTRE LA FORNERO “IN PEJUS” NON PUO’ ANDARE; FORSE GIUSTO TOGLIERE VERI PRIVI LEGI QUALORA PERO’ INTERESSATI CONDIVIDANO PROVVEDIMENTO, ESSENDO INCOSTITUZIONALE AGIRE DALL’ALTO SPECIE SU NORME MAGARI RETROATTIVE CHE VANNO CONTRO LA RAGIONE E, IL BUON SENSO, VIOLANDO LE NORME A CARATTERE INTERNAZIONALE ANCHE A MENTE DELLE REGOLE NOTE DEL TRIB DIR.UOMO DI STRASBURGO COSI’ COME APPENA ACCADUTO IN ITINERE CON ALTRA NORMA PROPRIO IN QUESTI GIORNI, STANTE CHE IL MATURATO SECONDO LE REGOLE SU BASE DI NORME EPOCALI IN CUI SI SONO MATURATE NON POSSONO ESSERE CAMBIATE SE NON SOLO CHE PER IL FUTURO, (NO IRRETROATTI VITA’….). TUTTO IL RESTO ESSENDO VIZIATO SECONDO QUANTO PREANUNCIATO DA DI MAIO RISCHIA DI NON ESSERE VALIDO, QUINDI PERDITA TEMPO E DENARO. FACILE DEFINIRE “PENSIONI D’ORO” MA ELENCHI QUALI E PERCHE’, PUR DICHIARANDOCI D’ACCORDO SULLA ABOLIZIONE DELLA FORNERO PER COME DETTO DA SALVINI IN ORDINE TEMPORALE PER LASCIARE LAVORO A GIOVANI. ANDANDO OLTRE RISCHIA DI VIOLARE NORME DI DIRITTO IN ESSERE, CHE NON AMMETTONO LE BATTUTE ARROGANTI E NON SOLO IGNORANTI ESTERNATE DALLO STESSO DI MAIO E DAL M5S CHE DA SEMPRE PREDICA L’INCOSTITUZIONALITA’ DELLA NORMA CHE OGGI PUO’ TORNARE SECONDO DI MAIO UTILE A RECUPERARE QUALCHE VOTO VOLGENDO ORA LA BATTAGLIA CONTRO SALVINI, COSI’ NON VA. NON VORREMMO CHE SALVINI CONVALIDASSE TUTTO QUESTO O CHE LO AVESSE IN MENTE…. . LE PENSIONI D’ORO NON RIGUARDANO CERTO CHI SCRIVE, TUTT’ALTRO, MA LA QUESTIO DIRITTO E’ UNA E BASTA.LE QUESTIONI DI PRINCIPIO HANNO DUE FACCE VERSO ET RECTO.

SEMPRE IN TEMA DI PENSIONI LA PEREQUAZIONE DELLE STESSE E DEGLI STIPENDI NON PUO’ SUSSISTERE, COME NUOVAMENTE RIBADITO ANCHE DAL TRIB DI STRASBURGO, STANTE CHE LA PENSIONE RICONOSCIUTA CON LE REGOLE D’EPOCA IN QUANTO CONSIDERATE DA DETTE NORME MATURATA,DEBBONO A PARTIRE DA TALE CONTEGGIO MANTENERE LA CAPACITA’ DI SPESA SPECIE IN ITALIA DOVE A SCAPITO DI DI MAIO E SALVINI TUTTO STA AUMENTANDO,DALLA BENZINA ALLA LUCE E AL GAS,OGNI SCUSA E’ BUONA, STAVOLTA CAUSA IMPUTATA AL PETROLIO, FORSE…. .

DI MAIO CHE TANTO PREDICA SU UN MERIDIONE DOVE IL TENORE DI VITA E M,AGGIORMENTE RIMARCATO IN CAPO AI FENOMENI DELINQUENZIALI E DELITTUOSI BEN NOTI, DETTO QUESTO, CVI SPIEGHI COME IL NORD SPENDA MENO IUN CONSUMI COSI’ COME AL CENTRO ITALIA ANCHE SE IN MISURA MINORE, AL NORD LA PRODUZIONE PREVALE SUI CONSUMI MENTRE AL SUD I CONSUMI PREVALGONO SULLE ENTRATE PRODUTTIVE E QUESTO NON SI SPIEGA,COSì COME NON SI SPIEGA LA PRETESA DI ABBASSARE LE PENSIONI (D’ORO) PER DARE A CHI HA PENSIONI BASSE MA CHE SICURAMENTE NON HANNO VERSATO ALLO STESSO MODO I CONTRIBUTI ESSENDO STATI NEL TEMPO VALORI DIVERSI TRA ATTIVITA’ E MESTIERI E CONTRIBUZIONI. FATTO CHE NON SI SPIEGA COMUNQUE. IL RISPARMIO CHE POTREBBE VANTARE SARA’ DI POCO PIU’ DI UN MILIARDO CHE PERMETTEREBBE COMUNQUE UNA MANCETTA DI 20 O 30 EURO MESE A CHI HA PENSIONI NON CONTRIBUITE DOVUTAMENTE BASSE. STUDI FATTI IN ALTRA PARTE VEDI COTTARELLI SOTTENDE CHE PER FARE UNA MANOVRA SERVONO ALMENO 5 MILIARDI ECCO CHE DI MAIO NON SPIEGA NULLA E MEN CHE MENO DOVE PRENDEREBBE LE RISORSE CHE LUI DICE DI AVERE LA COPERTURA, DIMOSTRI O NON CREDIAMO VISTA LA SITUAZIONE GENERALE.

CONTE A BRUXELLES SE PUR BRAVO MA NON CI CONVINCE DETTO CHE CI ASPETTAVAMO UN COMPORTAMENTO PIU’ RIGIDO CONTRO QUESTA EUROPA VENDUTA E DI PARTE POLITICA A PIU FACCE IN FUNZIONE DI INTERESSI ECONOMICI E BASTA DI GRUPPO O PERSONALI ORMAI DIMOSTRATI DALLA STAMPA.

BENISSIMO TRUMP NELLE SUE POLITICHE MA DI MAIO IN POLITICA ECONOMICA NON CI FACCIA SORRIDERE VISTO CHE NON E’ TRUMP E CHE L’ITALIA NON SONO GLI USA…. .

Diritti mancati e governo di oggi

Siamo sempre a cavallo con quanto fatto e sostenuto da prima delle recenti elezioni di questo 2018,non è in uso da noi cambiare idee e cose o passare da un capo all’al tro o da un partito all’altro, in breve tempo ma meno nel tempo.
Ora comunque i dubbi ci assalgono, detto che Conte ci pareva un duro ma a Bruxel les non pare che sia andata proprio così, il veto secondo noi ci stava tutto, ma ora il giorno dopo la firma (dubia…) Macron riparte con le sue oscenità ambigue, secondo il quale Schengen rimarrebbe… . Porti francesi chiusi e hotspot in Italia, mentre Conte sostiene che l’Italia non ha firmato nulla di tutto questo. Così come ha assicurato la Merkel che ormai…. e non sta a noi salvarla,questo il primo punto. I crucchi ci rispediscono indietro qualli in Germania?.Bene…” chiudi le frontiere et les jeux sonts faits…” . Con i migranti bisogna farla finita una volta per tutte,si è perso già troppo tempo…. .Noi in Italia non possiaqmo ospitare l’Africa che non ha Diritto mentre possono avere diritto solo i veri PROFUGHI non i migranti economici ne quelli balneari.Inoltre il Paese di transito non è l’Italia dove sono stati ospitati fino a oggi malgrado tutto mentre l’Europa dei Bla Bla non li vuole. Troppo comodo. Non essendo l’Italia un Paese ricco di materie prime è impossibile ospitare e dare lavoro a gente improduttiva, impreparata, che non fa che abusare violentemente della ospitalità data a spese dei cittadini italiani e non da aiuti Europei. Questo significa che non sussistono ne esistono motivi razziali se, non solo, la tutela dovuta e di Diritto non solo nazionale nella difesa della italianità, della sua storia e della sua cultura, matrice identitaria di un popolo, da millenni radicato sul suo territorio, sul quale le sue diversità da sempre convivono, mentre la Francia ha con le sue continue guerre recenti o meno, continue e attentati, causati per diversi interessi tribali, in combutta con i Palestinesi e/0 meno (attentati Bologna ,aerei ecc….) gli Obama,fatti che hanno destabilizzato l’Africa magari con alle spalle già questa situazione propedeuticamente preparata a danni dell’Europa sempre per interessi di corridoio,una Europa coniglio,posto che non vuole i neri ma lki invita e li obbliga a varcare il mare anche e sopratutto con uso di violenza. Cose che la nostra Costituzione abborre, mentre le ong delle Onu -Ocse e chi più ne ha… . Motivo in più per obbligare la Francia a prenderseli tutti e, non il contrario. Ammesso che il diritto internazionale esiste cosa oggi molto dubbia. Armare i confini e l’Italia, alla faccia e malgrado la NATO che dovrebbe lasciare l’Italia, in maniera autonoma anche con armi nucleari e biologiche proprie, se occorre. Il buonismo non porta, oggi, da nessuna parte e chi applica queste regole vedi la sinistra italiana lo fa solo a fini speculativi e di interessi propri da che risulta, a danno dell’Italia.

Non permettiamo nemmeno a Di Maio di sentirsi Trump cosa che NON E’,minacciando le nostre ditte costrette causa vita impossibile in Italia così come allo stato attuale il Lavoro, non minacci chi ha lavorato e pagato nel tempo i contributi in maniera contrattata con imprese private o privatizzate o con lo Stato, spesso costretto a non pagare stipendi come di fatto spettavano promettendo un futuro migliore se le maestra,quando la stessa proposta nze si fossero adeguate a lavorare a parità di condizioni nel tempo e per circa 37 anni che di fatto superano alla fine i 40 contributivi e lavorativi. Vitalizi? Già sistemati con la legge Fornero, quindi incomprensibili altre manovre per cose già fatte,valutati pure i risparmi che saranno modesti, ne tagli arretrati non potranno essere ammessi sia perchè come lo stesso Di Maio non molto tempo fa ha sostenuto allorquando la medesima più o meno proposta era stata fatta dall’altro Governo che, eventuali tagli, sarebbero stati incostituzionali e, di fatto di questo si tratta, oltre al fatto che il Tribunale di Strasburgo in questi giorni, in linea con storia parallela di un ricorso proposto da ben  10.000 circa ricorrenti ha ammesso, detti ricorsi, alla fine condannando l’Italia alla rifusione dei danni e degli arretrati ecc…, . Invece che minacciare deve studiare e molto … Inamissibile il reddito di Cittadinanza che esiste già,peraltro, non puoi pagare nessuno per non lavorare,nè invitare come fa Di Maio a non lavorare. Diverso invece la Flat tax se applicata per abbassare le tasse migliorando la vita dei cittadini e aiutando le imprese grazie alla crescita del mercato interno che si otterrebbe in questo modo, a reinvestire in Italia facendo crescere il lavoro che è in continuo calo anche con questo Governo. >La crisi non si risolve con minacce e multe inutili peraltro oltre che incostituzionali. Altro parlare a vanvera.

Non lasciamo che la schifezza, oggi nota come policality correct, prenda il sopravvento a sinistra, non esasperiamo oltre misura la deformazione il “concetto di soggettività ” ( da evangelium vitae nr.19… di S.Giovanni Paolo II) che la moderna politica porterebbe a fare (global fallito), non si riconosca come titolare di diritti solo chi si presenta con piena o almeno incapiente autonomia ed esce da condizioni di dipendenza dagli altri. Ma come conciliare tale impostazione con “l’esaltazione dell’uomo quale essere <<222indisponibile””””?. La teoria dei DIRITTI Umani si fonda proprio su questa considerazione circa il fatto che l’Uomo,diversamente dagli animali e dalle cose,non POUO’ ESSERE SOTTOMESSO AL DOMINIO DI NESSUNO. Si deve pure accennare a quella logica che tende a identificare la dignità personale con la capacità di comunicazione verbale ed esplicita e,in ogni caso,sperimentabile. (Rispetto per la Vita sia essa di un nascituro,di un disabile o di un morente, nescita e morte naturale sono parti di un medesimo schema…. .Scelta e convivenza nei rapporti interpersonali su tutto… .

Ogni popolo ha diritti a vivere,crescere e realizzarsi nel proprio ambito con sacrifici e lavoro proprio al limite chi sta meglio ti aiuta ma a casa tua non a delinquere in giro per il mondo o a fare il fanullone… .

 

SANITA’ LOCALE | Scenari e prospettive pre e post elezioni

SANITA’ FVG….Convegno di merito del giorno. RELAZIONE DI MERITO: con pareri pure redazionali… Riunione dei Comitati al Bar AL FUNGO di Gemona del Friuli ( in data a memoria ) Sabato – 21 aprile 2018 dalle ore 11, 30 circa ). Convegno aperto al pubblico, al quale hanno partecipato diversi Candidati per le elezioni, menbri chiaramente dei Comitati e un discreto pubblico. Relatori: Dott.ssa Laura (oggi Senatrice) – STABILE già Primario di Rianimazione e Pronto Soccorso presso il medesimo nosocomia.

Con Lei il dott. Zavkar dottore e primario così come la precitata dottoressa Stabile oggi Senatore, in pratica moglie del precitato dott. Zavkar, presso lo stesso nosocomio del Cattinara (TS).

Con loro rappresentati dei Comitati tra i quali Claudio Polano, Zaga Balog, l’ex Funzionario amministrazione Sanitaria Marchini, oltre ad altri intervenuti, molto apprezzato l’intervento del dottor Paolo Venturini, specialista in Cardiologia chirurgica in Udine, critico dell’attuale sistema di riforme della amm/ne Serracchiani che ,vorrebbe portare a Gemona del Friuli, anche nell’intento di liberare Udine da troppe incombenze e lavoro specialistico confuso nel grande ospedale, troverebbe migliori spazi (in parte), in un ospedale completamente antisismico unico nel suo genere in Friuli, un Reparto specialistico di Cardio Chirurgia attrezzato tutto punto con annesso neurologia e settore riabilitativo funzionale.

Il tutto legato al pronto soccorso-alla emergenza e alla chirurgia anche d’urgenza. Da anni si batte affinché questo progetto condiviso con Udine possa trovare gli spazi che gli competono nella sede più idonea garantendo sicurezza maggiore sul territorio dell’Alto Friuli. Il tutto andrebbe a beneficio della popolazione tutta, in un territorio dove la disabilità è sentita sensibilmente e dove i problemi di anzianità con la vita che si allunga sono molto avvalorati oltre che magari apprezzati dall’intera popolazione . Inoltre vorremmo lanciare un messaggio chiaro alla POLITICA che verrà:

Noi ci auspichiamo una nuova AASL 3 “Alto Friuli”, dove come da sempre sia Gemona del Friuli che Tolmezzo per ogni loro esisgenza (Tolmezzo per servire la Carnia…zona montana… non meno della Valcanale – del Canale del Ferro-e di Resia ( malgrado il si dice carnici che vogliono tutto in buona sintesi, mentre che ci dobbiamo complementare sulle due strutture esistenti fino al Gemonese, anch’esso ad asservire un medesimo ambito territoriale Pede-Montano che investe data la spazialità di detto territorio, molto vasto e complesso con una viabilità a tratti problematica sia nel Gemonese sia fino a Tarvisio. Recuperando poi sul territorio Artegna immediatamente vicina al Gemonese e il Tarcentino come è sempre stato nella storia, possiamo recuperare lo storico territorio parte integrante dell’Alto Friuli,rinunciando al medio Friuli fino a Varmo territorio enorme quanto inutile, facendo crescere in sicurezza il medesimo contesto storico.) In atto sia la struttura Gemonese in depauperamento come quella di Tolmezzo in via di declassificazione, sono state messe in crisi per volontà politica ( Nord mantiene il Sud e ci rimette le strutture di piu’) oltre che delle lobby interne come esterne, le quali, a loro volta coinvolgono le Caste e, non solo, nel mare magnum degli interessi che coinvolgono la Sanità ma che muovono quindi le golosità delle delinquenze organizzate siano essere politico tecno burocratiche che farmaceutico. Assistenziali. Noi dobbiamo porci davanti al territorio garantendogli i servizi e la Sanità all’altezza che gli compete anche in quanto privo io mal servito dalla viabilità.

Questo su tutto malgrado la considerazione errata che in materia Revelant voglia seguire su strada errata Urbani dell’UDC nel Governo di Centro sinistra a cavallo della Serracchiani. Revelant ci voglia rendicontare sul fatto che il suo programma e le liste paiano non fare accenni alla Sanità che non va lasciata al servizio della sola Carnia, alla quale spetta solo la parte di servizi fatti per questo territorio, il Gemonese e la Val Canale stanno altrove.

Detto questo tanto, la posta in gioco pare che voglia alla prima interrogazionevestrapolare una valutazione profonda che entri specificatamente nel merito degli esiti circonstanziali della riforma, che a detta della Regione FVG oltre alla Direzione Regionale Sanitaria e al Comune interessato la riforma in essere nota come Serracchiani ìè stato profondamente errata, sembra essere stata estrapolata dalloa “LISTA DELLA SPESA” di Carlo COTTARELLI, secondo ilo quale sbrigativamente per riasparmiare basta “ tagliare”

strutture e servizi privandone i cittadini, fosse solo questo, (privatizzare no signori servizi debbono essere pubblici), ingiusto in quanto criminosamente posto in essere senza tagliare a loro volta le tasse che pesano in essere complessivamente per un 85% circa su stipendi e pensioni.

A detta dei Comitati noti come “ …della Cicogna…” nella ASL nr.3 Alto Friuli.

Parrebbe che non si voglia conoscere ilo livello di fedeltà nell’applicazione reale e strutturale più o meno pedissequa della RIFORMA ma si deve puntare a presentare una situazione nelle sue reali fattezze e sfaccetature.

Su tutto molto interessante per la ristrutturazione dell’Ospedale di Gemona del Friuli vi è un progetto presentato dal dottor Paolo Venturini, Cardiologo chirurgico specializzato con attuale impiego a Udine , noto in tutto il Friuli ma non solo, il quale partendo da vecchio progetto e in virtù del fatto che Gemona del Friuli è stata interessata da un tremendo e disastroso sisma in data 6 maggio 1976 alle ore 20,46 o comunque minuto più o meno a distanza di tempo…. . In seguito a questo disastroso evento è stato ricostruito con moderne tecniche “modulari” su terreno adatto e interamente antisismico,unico nel suo genere in Friuli.

Il progetto confuterebbe il ritorno a Gemona di un Reparto Cardio -Vascolare completo di specialistica neurologica (oggi magari pure trasferibile dall’università di Udine,loà dove si affronti nel concreto la riabilitazione pre e/o post operatoria di soggetti caratterizzati da patologie ad alta incisività e criticità cardio vascolare, con a latere un sistema chirurgico anche emergenziale e in prosecuzione dell’attuale chirurgia programmata sui 5 giorni magari rivedibili a settimana intera.

La strutturqa avrà necessità di essere messa in simbiosi nuovamente con un Reparto di Pronto Soccorso e deipartimento di emergenza a supporto delle criticità Udinesi in materia e a decongestionamento specifico sulla particolare materia.

Il dott. Zalukar medico specialista in anestesia e rianimazione presso l’Ospedale di Cattinara di Trieste, ha rimarcato come la ricostruzione di un sistema equo e valido oggi sarà una fatica immane dopo la distruzione subita a opera del Governo Serracchiani-Bolzonello/ Telesca in quanto sussiste un fortissimo livello di disgregazione e disorganizzazione totale interna alla Sanità pubblica, mentre i posti di comando sono stati messi sotto il profilo tecnico/ pratico Sanitario, come non dovrebbero essere, all’esclusivo servizio del Potere Politico con posti riservati con specificità meritocratica ma non di merito, a spese della qualità del servizio, alzando addirittura i costi di questa Sanità rispetto alla precedente, di gran lunga migliore e ottimamente organizzata sotto il profilo tecnico. scientifico e di qualità.

Sotto il profilo innovativo nulla è stato fatto, ora i sistemi informativi Sanitari incluse le Reti operative vanno di gran lunga potenziati al fine di ottimmizzare al massimo le risorse implementate.

Sotto il profilo delle persone, va detto che il personale deve essere di livello adeguato e sufficiente ai fini operativi per il raggiungimento degli scopi a ognuno richiesti per offrire al servizio la qualità attesa n(vedere sistema Toyota quality Sistem, anche in Sanità “ Galgano…”.) Ciò anche se c’è da tenere in debito conto lo spigoloso capitolo della sostenibilità economico finanziaria in seguito alla rimodulazione geografica del sistema territoriale.

( All’uopo oggi come oggi con meno sprechi distribuiti nel sistema oltre al fatto che senza razzuismo alcuno visto che i migranti in realtà annoverano costi e pretese senza lasciare granchè sotto il profilo economico del tutto o quasi inutili, risparmiando sulle migrazioni abbiamo già le risorse o possiamo averle semplicemente sotto questo profilo, posto che le tasse le pagano i cittadini attivi sul territorio per lo più originari del medesimo o comunque italiani….).

Contestualmente l’infermiera Specializzata Zaga BALOK del Nursind ha sottolineato che l’attività delle Aziende Sanitarie Locali sia in realtà già stata posta sotto la Lente dell’Ispettorato Superiore della Sanità del FVG in ragione della possibile sussistenza di fenomeni corruttivi che possano inficiare le risorse disponili e la salvezza del sistema. Fatto che secondo l’ex Funzionario Aziendale Martini sottolinea come l’intero sistema sarebbe tutto da rifare.

Va aggiunto che in atto i messi di soccorso specie distanziati sul territorio viaggerebbero senza personale addestrato in continuo anche se infermieristico, inoltre le tempistiche di intervento in ragione di un territorio frastagliato con una viabilità problematica a seconda delle urgenze non sempre rientrerebbero nelle possibilità e nelle migliori tempistiche possibili per i soccoritori, malgrado il loro impegno e le loro volontà estrinseche. Spesso mancano i mezzi di soccorso ove siano necessari. Tenuto conto che in caso di soccorso tempestico i mezzi armati di sirena possono si venire meno alle velocità e alle maniere codicistiche ma questo senza mettere in pericolo altri veicoli ne la vita della persone ecco che non possiamo pensare un mezzo di soccorso alla stregua di un lampo specie in montagna con tutte le difficoltà inclusive.

Da quella riunione dopo il 4 marzo (elezioni), il nuovo Governatore del FVG Fedriga ha già disposto il blocco urgente della Riforma in atto,dando disposizioni a chi competente e a ciò preposto (voluto un politico non medico quale Assessore Rg. FVG…medici stanno altrove…) di mettere in atto studi di programmazione e fattibilità in ordine alle modifiche da apportare al sistema Sanitario e a quello dell’apposito bilancio disponibile). Tenuto conto che confiniamo con Stati Esteri anche se inclusi nella UE, i quali sotto il profilo della spesa …. .

Mentre il nuovo Sindaco Reveland di Gemona del Friuli in Consilio Comunale dopo la presentazione e le nomine dei nuovi Assessori e Consiglieri comunali, si è detto preoccupato e disposto a battersi per il ritorno sul territorio di un vero e proprio sistema Sanitario come già esisteva, come sopra evidenziato e con un Reparto Medicina in situ oltre che un vero e proprio PR/ Emergenziale. Zaga Balog Consigliera comunale si è detta pronta e disposibile a collaborare per il raggiungimento dei nuovi obiettivi offrendo spalle all’ assessore Comunale alla Sanità Monica Feragotto già esponente del Gruppo delle Cicogne.

La Flat Tax: uno strumento dai tanti pregi, formato Famiglia, esistente per le imprese

La FLAT TAX non è una pura e semplice imposta proporzionale. Lo fosse sarebbe talis et qualis una invenzione dei decenni che furuno me si tratta di una innovazione della quale si discute nei Paesi avanzati come di una novità, ma il tributo nel passato, che è stato poi rimpiazzato dall’imposta proporzionale sul reddito con aliquote diversificate per le varie categorie di reddito, di Capitale immobiliare,mobiliare, di impresa,di lavoro autonomo, di lavoro dipendente, a sua volta rimpiazza to dall’imposta proporzionale progressiva ( che come abbiamo avuto modo di vedere si è a sua volta frammentata) .

La FLAT TAX differisce dall’imposta proporzionale in quanto ciò che è proporziona le è la sua aliquota marginale, ossia quella che si paga per le successive aggiunte di reddito, ma non per la sua aliquota media per i diversi livelli di reddito, che è progressiva, con ritmo decrescente sino a divenire proporzionale.

Ciò si spiega in quanto non parte immediatamente dalla prima particella di reddito del contribuente, ma da un livello di reddito considerato tassabile, lasciando libere le prime 10-12 mila euro sul dichiarato annuo, al di sopra delle quali avviene la tassazione ( nel sistema che definiremo di Berlusconi al 23%….mentre nel sistema al 15% si Salvini rimangono fuori le prime 8.000 come in atto , meno costosa ancora rispetto alla prima sul dichiarato basso visto che l’aliquota di tassazione marginale è 19% sul dichiarato mentre il 15% a differenza del 23% ha una forchetta spaziale diversa, quindi il sistema al 15% più interessante per i redditi bassi. Sotto il livello predefinito che esonera dal conteggio si trova la cosidetta NO TAX AREA , ovvero la franchigia della tassazione anche se non dalla dichiarazione dei redditi, che può essere considerata necessaria per documentarlo ( il reddito reale va dichiarato per poi essere conteggiato secondo prescrizioni subendo delle decurtazioni ma non elusioni o “oscuranzioni di reddito eo di parte di esso…). L’esistenza della NO TAX AREA dà luogo a una progressività del tributo, che decresce al crescere del reddito.

Un esempio elementare lo chiarisce. Supponiamo che ci sia una franchigia di 10 mila euro (anno x…), consideriamo 5 classi di reddito, rispettiva,mente da 0 a 10 mila euro, da 10 a 20 mila euro, da 20 a 30 mila euro, da 30 a 40 mila euro e da 40 a 50 mila euro e vediamo quanto il tributo paga in percentuale sul proprio reddito il conbtribuente che, rispettivamente appartiene alla categoria 1, II, III, VI e alla V classe di reddito.

_______________________________________________________________________________

PROGRESSIVITA’ DELLA FLAT TAX AL 23% CON UNA NO TAX AREA DI 10.000 EURO.

_______________________________________________________________________________

Classi di reddito in euro Imposta dovuta % sul reddito dichiarato

I . Da 0 a 10.000 0 0

II . Da 0 a 20.000 2.300 11, 5

III. Da 0 a 30.000 4.600 15, 4

IV. Da 0 a 40.000 6.900 17, 3

V. Da 0 a 50.000 9.200 18, 4

Dunque la FLAT TAX allo stato puro è una imposta progressiva e pertanto essa non viola affatto il principio di costituzionalità del tributo che in Italia ha un rango di natura costituziona le. Lo applica in modo semplice, ma efficace sulla aliquota media, ma non su quella marginale.

La FLAT TAX, in un modello che non è puro e che è più aderente alla varietà delle situazioni reali,ammette anche altre riduzioni fiscali che incidono sulla aliquota media, che ne riducono la semplicità ma hanno una base teorica robusta.

In primis appare logico depurare il reddito tassabile dalle altre imposte che lo tassano, per evitare il paradosso incostituzionale peraltro: dell’imposta su imposta. E’ questo il caso dell’imponibile dei contributi previdenziali obbligatori e degli assegni alimentari corrisposti al coniuge.

Nella prima ipotesi per evitare una imposta sull’imposta,mentre nella seconda per evitare una duplice tassazione.

Inoltre nella eccessiva bolgia della tassazione italiana esagerata e che impedisce la crescita del paese e delle famiglie, si riduce l’imposta in funzione e virtù dei carichi di famiglia, ovvero della presenza fisica delle persone del nucleo familiare in esame, nucleo le cui componenti possono lavorare ma anche non lavorare ( causa forza maggiore e crisi…) oppure – eventualmente – di due coniugi.

Tutta la Verita’ sulla Flat Tax

Testo di Francesco FORTE professore emerito Universita’ La Sapienza di Roma e gia’ insegnante di Scienza delle Finanze e Economia alti Istituti di Stato. E’ stato già ordinario di Scienza delle Finanze a Torino sulla cattedra di Luigi Einaudi, e come già detto professore emerito di economia pubblica alla Sapienza di Roma. E’ stato per 4 Legislature parlamentare ed è stato ministro nei Governi Fanfani e Craxi. Nel PSI era esponente dell’indirizzo Liberal Socialista. Editorialista de il Giornale, ha firmato più di 35 libri e 350 pubblicazioni di ricerche e studi in materia economico-fiscale.

Così la riduzione delle aliquote proposta dal centrodestra farà crescere investimenti e occupazione. E una volta a regime aumenterà il gettito.

L’attuale sistema fiscale dell’Irpef basato su più aliquote,con la scusa della progressività, ( prescritta dalla Costituzione ma di fatto nel tempo divenuta una fiction si può dire…) rivelato uno strumento per torchiare il ceto medio.

Ciò perchè falcidia i redditi modesti e medi,sopratutto di lavoro. Una ingiustizia fiscale che ha incoraggiato l’evasione. La flat tax proposta da Berlusconi al 23%  (piccole differenze marginali in più per i redditi più bassi rispetto alla proposta della Lega della Flat tax al 15%. La prima avrà una tax no area il primo anno da calcolare sulle prime 10 mila euro di redditi annuale e poi di 12 mila euro annue riducendo la tassazione sul reddito di lavoro garantirà maggiore equità e farà crescere il gettito.

Le imprese industriali ma anche con questo sistema in particolare le Pmi che sono la colonna portante dell’imprenditoria manifatturiera in Italia saranno invogliate a reinvestire e,quindi nel far crescere impresa e lavoro, aumentando e non di poco si pensa il volume d’affari sia sul mercato interno che su quello internazionale incrementando le esportazioni a minori costi in generale e non solo in particolare dato l’abbassamento delle tasse. La necessità di incrementare il fatturato e il lavoro farà aumentare si prevede l’impiego di manodopera tecnico-specializzata o altamente specializzata con un aggiustamento stipendiale incrementato ma con minori sacrifici sia per l’azienda che  per il dipendente e,quindi le famiglie.

La Flat Tax è stata a livello teorico,ideata dal Milton Friedman nel 1958. Fu ripresa negli anni 80 da due economisti americani tali,Robert Hall e Alvin Rabushka, in uno scritto fatto conoscere in Italia dall’economista liberale Antonio MARTINO (già ministro),allievo di Friedman,mediante volumetto edito da Crea (centro ricerche economiche applicate,da lui diretto. La prima proposta in Italia fu fatta da Silvio Berlusconi nel programma economico di Forza Italia nel 1994,proprio a cura del Ministro Antonio MARTINO, l’economista liberale. (Poi si sa che Berlusca ….in mezzo al guado nel PPE dell’UE…con SX. chiaro.). Nei Paesi dell’Est la Flat tax è applicata quasi ovunque e funziona a meraviglia mantenendo bassa la tassazione e le imposte incrementando il lavoro e le imprese. In tre Stati Baltici, Lettonia, Estonia e Lituania hanno una flat tax  rispettivamente del 24%, 25%, 33% dalla fine degli anni 90. Nel 2001 è stata introdotta in Russia al 13%. In Ucraina la flat tax è stata adottata al 13% nel 2003,aumentata al 15% nel 2007. La Slovacchia ha introdotto una flat tax del 19% nel maggio 2004. Essa è stata abolita nel 2013 dal Governo di SINISTRA in favore di un sistema progressivo (dannoso…), il prossimo Governo se di destra dovrà ripristinarla, forse. La Romania ha una flat tax al 16%. La Macedonia l’ha introdotta al 12% nel gennaio 2007, portandola al 10% nel 2008. Generalmente queste Flat tax sul reddito delle persone fisiche riguardano oltrechè le imposte personali sul reddito anche la tassazione sui redditi di impresa e società. Nel 2005 il partito radicale con Marco Pannella propose una flat tax al 20%,proposta seguita nel 2008 da destra nazionale di Daniela Santanchè, sulle persone fisiche e società del 20%. Nel 2012 la Fondazione Magna pubblicò uno studio di Emanuele Canegrati, una Flat Tax per l’Italia, che prevedeva una Flat tax al 23%, a gettito invariato, che poteva scendere anche sotto il 20% CON UN FORTE RECUPERO DI EVASIONE FISCALE.(SPECIE AL SUD DOVE I DISOCCUPATI SONO IL DOPPIO CHE NEL CENTRO ITALIA MA IL TRIPLO RISPETTO AL NORD CHE PUR TRA MILLE DIFFICOLTA’ A CAUSA DI TROPPE TASSE STA COMUNQUE CRESCENDO. )  il reddito di Cittadinanza impossibile da erogare di fatto in quanto non costruisce crescita nè benessere ma incentiva l’evasione fiscale, stante che in uso lavoro nero o Agricoltura a nero o in supposta evasione fiscale. La cultura del Sud non può fare crescere l’Italia che va cambiata nel senso di una Flat Tax osteggiata da una sinistra che da sempre viaggia in odore di corrutela, incapace di premiare una crescita pulita in Italia sull’esempio di altri Paesi forse più civili dell’Italia stessa. Nel giugno 2015 con Domenico Guardabascio( di F.Forte) presentavo sulla rivista Tempi una proposta di flat tax con aliquota al 22% per lo Stato, affiancata da addizionali al 3% al di sopra di un certo importo di reddito. Venne discussa da F.I. in Parlamento meglio alla camera con dati relativi alla dichiarazione dei redditi del 2012 e una ipotesi dell’emersione dell’evasione fiscale pari al 15%,propose una flat tax al 23% con perdita di gettito dello o,2 del Pil.

Nel 2016 la volta di Armando Siri ( economista della Lega) – nel Volume Flat Tax – (per la Lega Nord oggi “Salvini”… ) la rivoluzione fiscale è possibile- è stata presentata una articolata proposta di Flat Tax al 15%, basata su una analisi dettagliata delle famiglie fiscali nelle varie classi di reddito. La minore aliquota è controbilanciata da una minore NO tax area ( 8.000,00 in essere…). La proposta comporta inizialmente una perdita di gettito di 28 miliardi di cui presenta coperture con misure straordinarie e ordinarie, confidando in un allargamento della forbice di base con recupero e emersione sia dell’evasione fiscale e del lavoro nero.Quanto alla elusione fiscale vanno apportate modifiche alle norme nel senso di renderla impossibile.

E’ considerato che il recupero considerevole di evasione fiscale,la possibile innovazione e investimenti aziendale con la crescita e il maggior lavoro eventualmente creato non solo debbono fare rendere positiva questa manovra per lo Stato e con questo con  la UE, aggiunta l’attenzione volta a maggior controllo sulle uscite evitando gli sprechi non dovuti e una maggiore e più riequilibrata spesa della P.A.

Si significa pure che i servizi dovuti specie in materia Sanitaria eliminando gli sprechi interni alla stessa, riconsiderando i tikets onerosi aggiunti alla pur esagerata tassazione e contribuzione relativa ( oggi con la sinistra Sanità al minimo servizi quasi zero a vantaggio del cittadino che paga).

Quindi indubbiamente la situazione dovrebbe migliorare a fronte di una migliore funzionalità dello Stato. Va tenuto pure in considera zione che la Germania titolare di un debito pubblico e di una situazione bancaria traballante ( bundesbank presso fallita o quasi) giocando con la Merkel il ruolo di capo casta (per non dire altro) in Europa ruolo che non le spetta, parlando di Europa (Unita?), con la “non moneta Euro-non ha le caratteristiche di una moneta” costruita ad hoc a favore della Germania per la quale prima il marco era moneta forte ora con l’euro moneta a parità più debole ha fregato all’Italia i semilavorati del boom economico, potenziando le sue industrie a scapito dell’Italia ma non solo, accrescendo le sue esportazioni, danneggiando l’Italia ulteriormente con le sanzioni alla Russia ,cosa che pare mirata a danneggiare terzi,mentre risulta che la Germania sotto sotto continua a fare i suoi “sporchi” com merci e affari, dichiarando vie più metà debito pubblico rispetto ai partners e all’Italia in base a Maastricht,in pratica la Germania come altri Stati non ascoltano Bruxelles e noi chi siamo?.Ecco che il “dictat che tale non è ” di Salvini contro Bruxelles e le regole UE era ora venisse fatto. I parametri  ue che barrano la strada ai soliti con il 3 e che si vuole si possono “saltare” visto che le regole non sono uguali per tutti i partners e così non è stato FIRMATO in nessun referendum che si voglia. Questo è tanto più vero quanto le destre ovunque stanno superando le sinistre della mala amministrazione e del malcostume oltre che della dilagante corruzione che emerge. Quindi ben venga il nuovo sistema economico

Nel 2015 uno dei maggiori Istituti Italiani “Bruno Leoni” presentava una proposta di Flat tax del 25% e con una deduzione di 7 mila euro(anno) per nuclei familiari con un solo adulto aumentata per nuclei con due adulti o con diverse caratteristiche comprendente tutti i redditi tassati attualmente con cedolari9 seccyhe e con la deduzione di specifiche spese di produzione di reddito di lavoro dipendente e integrazione del reddito degli incapienti, con un costo di 4 punti di Pil da recuperare con equivalente riduzione della spesa pubblica,ridotti allo 0,6% del Pil in fase iniziale del progetto.

Nel 2017 gli esperti di Silvio Berlusconi hanno elaborato per F.I. una proposta di flat tax del 25%, accompagnata da una imposta negativa per i non abbienti, per un sistema liberale conforme al mercato,orientato alla crescita, con recupero dell’evasione fiscale,mediante un meccanismo per molti geniale per la sua natura innovativa. Le sue difficoltà di messa appunto e attuazione stanno proprio in questo meccanismo collegato a un esonero fiscale sulle prime 10 mila euro/annue per tutti su un massimale di 100 mila euro/annue di reddito dichiarato. Al di sopra di 80 o 100 mila euro annodi reddito dichiarato nessuna agevolazione di sorta ne deduzione delle prime 10 mila predette. Come pare equo.A chi percepisce somme di questo tipo pagare un qualcosa in più per contribuire alla vita economica del Paese non ci sembra cosa ingiusta,tutt’altro. In tutta onestà.

Al di sopra delle prime 10 mila euro/mese la cifra sale in funzione del salire del reddito del contribuente,tramite la deduzione dal suo imponibile, di determinate spese per consumi prioritari, documentate da fatture o ricevute fiscalmente valide. Parte più innovativa anche se non di semplice attuazione.

CI CHIEDIAMO IL PERCHE’ LA FLAT TAX AUMENTEREBBE IL LAVORO E/O OCCUPAZIONE SI VOGLIA.

La Costituzione prevede la progressività d’imposta,mentre l’Irpef imposta che dovrebbe tassare i ricchi, grava sopratutto sui redditi minori. La Flat tax, riducendo l’asprezza dell’Irpef (che con la Flat tax non si paga più…) sui redditi da lavoro, aiuta la crescita e l’occupazione. ( Da qui pare che i poteri forti sostengano tra i due vincitori preferibilmente Confindustria in primis, il più debole dei due da qui il sostegno a M5S che promette reddito di Cittadinanza ovvero soldi a pioggia che non ci sono senza alcuna contropartita ne crescita anzi,vuole chiudere l’Ilva di taranto al contrario di quanto va fatto, condanna la legge Biagi sul lavoro ma recrimina l’art.18 sul quale ormai…). L’irpef si paga per  scaglioni di reddito dichiarato da 0001,00 a 15.000 si applica per ogni scaglione la rispettiva aliquota aliquota al 23% – da 15001,00 sino a 28.000,00 aliquota al 27% ( siamo già a 3.450.00 annue di Irpef “23 + 27%”) da 28.001.00 sino a 55.000 – 38%  paghi = 6.960.00 annue sommando come detto tutte le aliquote. sulla parte eccedente 28.000 euro ipotesi di un reddito dichiarato in una forbice da 55.001.00 sino a 75.000,00 euro si appklica l’aliquota del 41% per un ammontare sommado le aliquote di 17.220,00 = (sommando 31.31 + 41% ) sulla parte eccedente 55.000,00  – ipotizzando un dichiarato di 75.001.00 ed oltre si applica l’aliquota del 43%= 33,89= 25.420,00 + 43% sulla parte eccedente 75.000,00 e via avanti.

Se però si guardano i redditi dichiarati in Itaklia dai contribuenti nel 2015 e la si agguiorna al 2019 con l’aumento del Pil,si vede che al di sopra dei 200 mila euro ci sono solo 80 mila contribuenti con circa 35 miliardi di reddito, il 4% sugli 890 miliardi dichiarati.

In pratica l’Irpef falcidia i redditi modesti,quelli in basso oltre a quelli medi, sopratutto sul lavoro. E’ INIQUA.

L’Irpef è una imposta progressiva sul reddito e penalizza i9 minori redditi agevolando i ricchi. (Altro motivo per cui i poteri forti sostengono M5S spaventati da questa riforma e non solo… a vantaggio del contribuente.

I crituici deklla flat tax che la criticano negando che essa dsia favorevole alla crescita del Pil e dell’occupazione,ebbene subito dopo si contradiconoquando sostengono che a questo fine serve la riduzione dei contributi sociali, che – in effetti – genera maggiore occupazione. La FLAT TAX riduce, la progressivuità del tributo sul lavoro e quindi il costo del lavoro a parità di somma netta nella busta paga,ma mentre i tributi sociali servono a pagare le pensioni,l’imposta personale sul reddito serve a pagare i servizi pubblici in generale. La Flat tax detto in breve può generare una agevolazione e una riduzione liberando il fattore lavoro da carichi tributari che comprimono la sua offerta, mentre che applicando l’irpef comprimi il salario specie se modesto o medio basso.Il primo anno come tutte le cose magari i vantaggi possono non essere tanti ma con l’andare del tempo,la riduzione delle tasse,i nuovi investi menti e l’innovazione possibile, più il tempo passa in anni si intende e più debbono accrescersi i benefici.

L’Irpef inoltre danneggia le famiglie monoreddito. Questo stante a silulazioni esperite dall’Istat che ha diviso le famiglie e le quote di redditi in 5 quintili. Questa simulazione rivela tutta la progressività su un reddito da e fino a 24.000,00 euro, superati i quali pare decrescere. Per i redditi superiori a 24.000,00 euro, in corrispondenza dell’akliquota media si stabilizza al 14%.Per un quintile più ricco l’aliquota media è del 15,5%. In altre parole, i redditi dichiarati per l’Irpef delle famiglie fra i 24 mila euro e gli oltre 300 mila euro per famiglia,la progressività scema fino all’1,5%. Secondo l’Istat le cause sono due: erosione dei redditi da parte dell’Irpef a dismisura, che sottrae i redditi da Capitakle, “2 il relativo vantaggio delle famiglie con più percettori di reddito, che grazie alla tassazione individuale pagano aliquote inferiori rispetto al monoreddito con redditi uguali(ingiustizia e disuguaglianza sociale…). Questi difetti cercano di curarli con placebo che si chiamano detrazione le quali allungate nel tempo diventano impercebili o quasi. Gente priva di capacità contributiva aggiuntiva rispetto al monorredito o meritevoli di essere ulteriormente incentivate con facilitazioni fiscali che non ci sono in effetti.

La Corte Costituzionale, con la sentenza n.179 del 15 luglio,abrogò il cumulo dei redditi ( fino ad allora di norma) della famiglia giudicandoli incostituzionali, in quanto la capacità contributiva è personale e il cumulo crea disuguaglianze di trattamento con i singoli e genera responsabilità fiscali personali per i redditi di altri soggetti. Con ciò la Corte incarica il Legislatore di provvedere, ma l’inghippo non risulta essere stato superato,tanto meno con Governi di sinistra, ma neanche nei Governi Berlusconi.

Da qui in Germania e negli Usa – quale premessa si applica il principio della tassazione separata (income splitting) di ciascuno soggetto. Ma viene data ai coniugi per capirci in cui uno ha un buon o elevato stipendio mentre la moglie ha reddito inferiore, ebbene hanno la facoltà di unire il reddito di dividere il quoziente rilevato per due del reddito imponibile ottenuto con il cumulo dei redditi .

Ciò in questo sistema consente di mantenere il calcolo della “no tax area” e con ciò in molti casi la riduzione delle aliquote riducendo la tassazione complessiva. Per ogni figlio a carico sui eroga un credito di imposta, cioè una detrazione di ogni singolo tributo dovuto, in una cifra variabile fra i mille e i due mila euro annui.

Mentre in Francia si adotta un sistema che cionsente di frazionare l’imponibile con un quoziente uguale a 1 o a 0,5 per ogni membro della famiglia. Ciò da luogo alla riduzione della progressività d’imposta che aumenta con l’aumento de numero dei membri. Per i primi 2 membri si addotta il quoziente 2,per  ogni rimanente membro si applica lo o,5 . Da qui si calcola l’imposta dovuta sommando gli importi adottati a ciascuno dei membri. Questo modello se si vuole è migliore rispetto allo “Income splitting ma nasconde in sè sotto il profilo della progressività risultati dubbi o arbitrari per cui,si preferisce il primo.

La soluzione regina al problema della flat tax che avendo una aliquota marginale proporzionale al reddito dichiarato eguale per tutti,mette a disposizione della famiglia un reddito ( che in regime di imposta progressiva va al fisco anzichè alla famiglia) per provvedere all’importante compito di accudire e provvedere ai figli e alla loro formazione, cioè al nuovo capitale umano.Un credito di imposta per i figli a carico può completare il quadro per i redditi sino a un certo ammontare. In Italia sempre l’Istat ha considerato che il lavoro nero e l’evasione fiscale (specie ma non solo al Sud…oltre a fenomeni di delinquenza sociale…) omette di considerare che in questo modo e grazie alla sproporzione della tassazione non entrano allo Stato diversi miliardi di euro,mentre a farne le spese sono i cittadini contributori onesti. Con il sistema Flat Tax è matematicamente considerato un notevole risparmio specie per i contribuenti minori e fino a 80-100 mila euro dichiarati annualmente…oltre diventa progressiva, come equo e giusto… .

L’imposta progressiva è una illusione finanziaria che favorisce le sinistre non marxiste e il grande capitale a danno del ceto medio e che non ha pochi riscontri evidente e Storici,anzi . I ricchi e ora se ne hanno le prove possono evadere legalmente l’imposta attraverso stratagemmi o acquisendo la cittadinanza in più Stati,così come possono trasferire i loro Capitali magari fingendosi poveri in Italia. Le società multinazionali coprono e servono a questo “vedi il traffico di risorse umane” ad esempio capace di arricchire albergatori e amici degli amici di chi al potere e non solo incrementando inoltre la delinquenza organizzata attratta da questi Capitali.